image
FOLK SONGS di Enrico Amendola - italian PDF Print E-mail
Reviews & Quotes - Press Reviews
Tuesday, 22 April 2008
Plunkett – “FOLK SONGS” (2008)
Recensione di Enrico Amendola - Vitaminic.it

Con un titolo simile, prima di ascoltare il disco per la prima volta immaginavo canzoni ubriache, acustiche ed essenziali, di quelle che ascolteresti mentre percorri (anche solo con la mente) strade piene di campi di patate e cotone a perdita d’occhio. Mi immaginavo questo duo anglo-italiano chino sui propri strumenti a raccontare in musica momenti di intimità e storie senza tempo.
Invece il cuore folk, che pure è presente, è sommerso da ambientazioni pop-rock abbastanza classiche e da una produzione molto pulita. Niente fango o polvere con cui sporcarsi le scarpe, niente sole cocente a mezzogiorno, ma spazi illuminati a giorno e tramonti metropolitani.
I Plunkett andrebbero benissimo per una qualunque college radio americana, di quelle che nel decennio passato avevano trovato l’età dell’oro con band come i Counting Crows o i Wallflowers.
Tredici pop-songs elettroacustiche che prendono ispirazione lontana dalla tradizione americana e la bagnano di acqua salata, di quella dell’oceano Pacifico, possibilmente della costa californiana.
Le armonie vocali a due voci, l’intersezione delle chitarre e di qualche elemento folk come l’armonica o il banjo rendono il suono corposo e le melodie molto cariche e fresche.
Praticamente il disco perfetto per un viaggio in auto, a suo modo classico, che non disdegna il momento più intimo e notturno.
Inoltre, come per il precedente lavoro anche questo è in streaming integrale sul sito ufficiale, non siate parsimoniosi con i vostri ascolti, dategli una possibilità.

Recensione di Enrico Amendola - Vitaminic.it

 
< Prev   Next >